Il Gruppo Scuola SISS intende promuovere e garantire una costante interazione tra scuola, università, centri di ricerca e istituzioni museali. La storia della scienza, infatti, si caratterizza come una disciplina che coniuga competenze trasversali e transdisciplinari. Queste caratteristiche la rendono particolarmente utile in sede didattica. La storia della scienza, infatti, facilita l’approccio narrativo e il ricorso a singoli casi-studio particolarmente esplicativi, interagendo mediante il rigore della metodologia storica con singole discipline, sia sul versante umanistico che artistico e scientifico. Gli orientamenti della ricerca nel settore della Storia della Scienza, inoltre, permettono di approfondire e arricchire, sia sul piano teorico che laboratoriale, gli approcci didattici ricorrendo al patrimonio culturale materiale e immateriale, agli strumenti di studio visuali, alla tecnologia e al digitale. In tal modo la Storia della Scienza si configura come una disciplina funzionale a un miglioramento delle pratiche educative in tutti gli ordini scolastici e negli ambienti di apprendimento informali, risultando un prezioso strumento per progetti di didattica innovativa.

Per tutti questi motivi, ci prefiggiamo di accreditare e qualificare la SISS come Ente di Formazione presso il MIUR. A tal fine, stiamo perseguendo gli obiettivi indicati dalla Direttiva ministeriale 170 del 21 marzo 2016, adattandoci ai recenti aggiornamenti in materia.  

Il Gruppo Scuola SISS propone i seguenti progetti di formazione per docenti delle scuole per l’anno scolastico 2022/2023:

Progetto Pilota

Vedere per capire. Percorsi interdisciplinari tra arte e scienza.

Obiettivi

Il percorso mira a presentare la storia della scienza in un'ottica trasversale come ponte tra discipline di ambito umanistico, artistico e scientifico e come strumento metodologico per sviluppare una didattica innovativa. Attraverso vari approfondimenti tematici, si mostrerà come la storia della scienza permette di acquisire strumenti per rafforzare le competenze di docenti (e studenti) della scuola superiore, utili alla progettazione didattica di tutte le discipline. Durante il percorso formativo, i partecipanti apprenderanno l'uso di strumenti visuali per lo sviluppo di una didattica attiva e una progettazione multidisciplinare. Le sessioni laboratoriali avranno l'obiettivo di coinvolgere i partecipanti in una discussione critica sull'interrelazione tra i metodi generali della storia della scienza e quelli propri delle diverse discipline curricolari. A tal fine saranno presentati i nuovi approcci delle neuroscienze al tema della visione e della conoscenza, l'utilizzo della Wunderkammer come strumento di didattica trasversale, lo storytelling e l'uso dei supporti tecnologici in aula, lo studio del corpo e dei suoi meccanismi, le macchine semplici e la cultura materiale della scienza come strumenti di apprendimento attivo e di dialogo tra discipline.

Link programma progetto


Progetto in collaborazione con la Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza, con cui la SISS ha stipulato un più ampio protocollo d’intesa

L’uso della logica e del pensiero visuale per l’innovazione didattica nella scuola secondaria di secondo grado.

Obiettivi

Il corso è finalizzato all’acquisizione di strumenti per sviluppare il ragionamento critico e il visual thinking. Sul piano delle conoscenze e delle abilità, i docenti acquisiranno concetti e metodi fondamentali di logica, teoria dell’argomentazione e pensiero visuale. Tramite questi strumenti i docenti perfezioneranno le competenze didattiche volte a rendere gli studenti più consapevoli dei loro processi di riflessione critica, di ragionamento analitico e astratto, di costruzione di modelli. Obiettivo primario delle sessioni laboratoriali, inoltre, è coinvolgere i partecipanti in una discussione critica sull’interrelazione tra i metodi della logica e del pensiero visuale e quelli propri delle diverse discipline curricolari. Si ricorrerà a casi-studio tratti dalla storia della logica utili ad esemplificare questa metodologia. Infine, ai partecipanti verranno proposti degli esempi di soluzioni digitali funzionali alle metodologie didattiche prese in esame.

Link Locandina progetto

Link programma progetto


Percorsi di formazione per personale docente

La Storia della scienza per una didattica "aperta" delle scienze.

Obiettivi

Il corso, aperto alla partecipazione di tutti i docenti interessati e indirizzato in particolar modo ai professori di Matematica, Fisica, Chimica, Biologia, Scienze naturali, Filosofia e Storia, Letteratura Italiana, Storia dell'Arte, si propone di ripercorrere le tappe fondamentali della storia della scienza moderna e contemporanea al fin e di proporre iniziative didattiche che superino il fossato culturale e didattico scavato dal consuetudinario sistema di insegnamento per discipline separate e consentano di inserire lo sviluppo scientifico nel più ampio contesto culturale. L'iniziativa, oltre a gettare un ponte fra le discipline umanistiche e quelle scientifiche, intende prospettare possibili utilizzi laboratoriali della storia della scienza nella didattica delle materie scientifiche, tramite la progettazione di UDA (Unità Didattiche di Apprendimento) interdisciplinari.

Link programma progetto


È attualmente in fase di progettazione un percorso formativo in collaborazione con il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, orientato alla cultura materiale della scienza. 

Il Gruppo Scuola SISS è aperto e sollecita collaborazioni e proposte da parte di tutti i Soci. A tal fine, sarà predisposto un manifesto programmatico con le Linee guida condivise in questi mesi di lavoro.

Coordinatori

Flavia Marcacci, Carmela Morabito, Ida Morisetti, Fedra A. Pizzato, Laura Ronzon.

Membri

Claudia Addabbo, Ilaria Ampollini, Andrea Battocchio, Sara Campanella, Elena Canadelli, Marco Ciardi, Argante Ciocci, Maria Conforti, Federica Favino, Mirella Fortino, Bernardo Galmuzzi, Agnese Ghezzi, Jessica Murano, Nicla Palladino, Paola Panciroli, Chiara Pepe, Gaspare Polizzi, Stefano Salvia, Matteo Torre, Alberto Vianelli, Valentina Vignieri.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.